Durante ogni visita clinica, anche quella che si esegue prima di somministrare un vaccino, è nostra abitudine controllare la bocca dei nostri pazienti.
A volte si osserva una lieve deposizione di tartaro facilmente asportabile con il cane o il gatto sveglio, se tranquillo, con degli appositi strumenti dentistici.


Altre volte, quando la situazione è più grave, è necessario eseguire una detartrasi in anestesia generale, che talvolta, ove necessario, è accompagnata dall'estrazione di alcuni denti.
L'intervento all'apparenza può sembrare demolitivo, ma i benefici che apporta al cane sono impagabili. Il dolore dentale spesso diventa cronico, l'animale impara a conviverci, ma quando la causa di questo dolore viene risolta, l'animale "rinasce". Quando il paziente viene controllato dopo 1 o 2 giorni dalla chirurgia, infatti, il proprietario riferisce sempre il medesimo commento "lo vedo più felice"! Contrariamente a quello che si può pensare, il cane e il gatto a cui sono estratti alcuni (o molti!) denti riesce ad alimentarsi assolutamente senza difficoltà!

Va sottolineato infine che, quando è presente una parodontopatia, il problema non si limita alle gengive e all'osso sottostante. Purtroppo i batteri presenti possono migrare in altri distretti come i reni, le ossa (lunghe e corte) e le valvole cardiache, causando problemi ben più complicati della malattia parodontale.

 

Denti estratti dalla bocca di un cane

 

Citazioni

         La civiltà di una nazione si misura dal modo in cui tratta gli animali.MAHATMA GHANDi

 

         Una gran parte delle emozioni più complesse sono comuni agli animali più elevati ed a noi. Ognuno può aver veduto quanta gelosia dimostri il cane se il padrone prodiga il suo affetto ad un'altra creatura; ed io ho osservato lo stesso fatto nelle scimmie. Ciò dimostra che non solo gli animali amano, ma sentono il desiderio di essere amati.charles darwin
Clinica Veterinaria Artemide © 2014 - P.IVA 03808650240
  • facebook